Cannibalizzazione SEO: come gestirla al meglio

trust-flow-e-citation-flow-le-metriche-di-majestic-seo

La cannibalizzazione SEO √® un fenomeno che si verifica quando due o pi√Ļ pagine del tuo sito web competono tra loro per lo stesso termine di ricerca. In pratica, quando Google non sa quale delle pagine mostrare nei risultati di ricerca perch√© sono troppo simili tra loro.

Questo può essere dovuto a diverse ragioni: ad esempio, potresti aver creato due pagine con contenuti troppo simili, oppure potresti aver gestito in modo sbagliato la paginazione.

√ą importante definire bene le parole chiave target per ogni pagina e utilizzare Meta Title e Meta Description unici per ciascuna pagina.

Ma perché la cannibalizzazione SEO può essere un problema? In primo luogo, perché le pagine che competono tra loro si rubano a vicenda il traffico organico, riducendo così il numero di visite complessive al tuo sito. Inoltre, Google potrebbe penalizzare il sito per contenuti duplicati, riducendo così la visibilità sui motori di ricerca.

Come fare ad evitare la cannibalizzazione dei contenuti?

Per evitare la cannibalizzazione SEO devi prestare attenzione alla struttura del tuo sito e alla creazione dei contenuti. Pu√≤ capitare per esempio, di avere due pagine che trattano lo stesso argomento; in questo caso √® meglio unirle in una sola pagina pi√Ļ completa e dettagliata.

Se dopo aver effettuato un SEO Audit ti accorgi di avere problemi di cannibalizzazione SEO, è possibile risolverli in diversi modi.

La prima cosa che puoi fare è gestire i tag canonical in modo appropriato in modo da indicare a Google quale pagina considerare quella principale. Successivamente ti consiglio di modificare i titoli e le descrizioni delle pagine in modo da differenziarle maggiormente tra loro.

Un altro aspetto importante riguarda la anchor text utilizzate nella tua strategia di link building. Se utilizzi la stessa ancora che rimanda a pagine diverse del tuo sito web, i motori di ricerca potrebbero andare in confusione.

Come identificare la cannibalizzazione delle keyword con Seozoom

Seozoom è uno dei principali strumenti di marketing che puoi aiutarti a risolvere il problema della cannibalizzazione che affligge il tuo sito web, vediamo come fare.

1. Accedere al proprio account SeoZoom e selezionare il progetto che si desidera analizzare oppure crearne uno nuovo.
2. Nella sezione “Keyword“, √® possibile visualizzare l’elenco delle parole chiave monitorate per il progetto.
3. Utilizzare il filtro sulla colonna “Posizione media” per individuare le parole chiave per le quali sono presenti pi√Ļ pagine del sito nelle prime posizioni dei risultati di ricerca.
4. Fare clic sulla keyword in questione per visualizzare una panoramica dettagliata delle pagine del sito che competono per quella determinata parola chiave.
5. Analizzare attentamente le informazioni fornite da SeoZoom, come ad esempio la posizione media delle pagine, la visibilità organica e il traffico generato.
6. Identificare le pagine che stanno “cannibalizzando” la keyword e prendere i provvedimenti necessari, come ad esempio l’ottimizzazione dei Meta Tag o la creazione di nuovi contenuti.

In generale, per evitare la cannibalizzazione delle keyword, è importante definire una strategia SEO coerente e ben strutturata, evitando di creare contenuti duplicati o troppo simili tra loro sul tuo sito web.

Inoltre, √® fondamentale scegliere le parole chiave giuste e utilizzarle in modo oculato, evitando di forzare l’ottimizzazione a discapito della qualit√† dei contenuti. L’utilizzo di strumenti come SeoZoom pu√≤ essere di grande aiuto per monitorare e ottimizzare la propria strategia SEO.

Cannibalizzazione SEO negli e-commerce

Si tratta di un tipico problema che affligge molti e-commerce e può avere effetti molto negativi sulla visibilità online, ecco alcuni accorgimenti utili per evitarla.

Innanzitutto, per evitare la cannibalizzazione SEO nel tuo e-commerce, è importante fare una buona analisi delle parole chiave per ogni pagina del tuo sito. Assicurati di utilizzare keyword diverse per ogni pagina e di creare contenuti unici e originali per ogni prodotto, categoria e sottocategoria.

Inoltre, è fondamentale evitare di creare troppe pagine simili con contenuti duplicati. Se vendi prodotti che hanno le stesse caratteristiche, cerca di creare una sola pagina che ne raggruppi diverse tipologie o varianti.

Fai molta attenzione ai filtri ed agli attributi dei prodotti; questi creano varianti dello stesso url che sono tra le principali cause di cannibalizzazione negli e-commerce.

Usa il tag canonical per indicare a Google la pagina principale, oppure evita di utilizzare la paginazione ed adopera lo scroll infinito dei contenuti, in questo modo risolverai la maggior parte dei problemi di testi duplicati.

Infine, utilizza gli strumenti a tua disposizione, come ad esempio Google Search Console, per controllare la presenza di eventuali problemi di cannibalizzazione SEO sul tuo sito.